Velvet, velvet and velvet

Allora, a me il velluto piace, in tutti i modi ed ovunque!!! ecco, forse non ci farei una tovaglia, ma per il resto credo che possa andare bene sempre e ovunque 🙂

Avendo un marito tappezziere di velluto in giro ne ho sempre e quindi produco! Oggi è Martedì per cui ci sta che presenti un nuovo lavoro meglio i nuovi lavori sono due, ma la stoffa è sempre una ed è ovviamente un velluto!!! e siccome per ora solo per un lavoro è pronta l’inserzione…porlo solo di questo. TIE’

a righe rosa, verdi, viola ed azzurre….semplicemente una MERAVIGLIA!!!!

borsa in velluto a righe - FB

Partendo da una stoffa così è stato facile 🙂 un cotone verde acido sul fondo ed un lino prugna all’interno per foderarla.  Poi un bottone grande fatto amno per chiuderla e uno piccolo per il suo portachiavi con una ranocchia a fargli compagnia…e adesso speriamo che qualcuno la compri, mi piacerebbe andasse in un posto caldo, credo le piacerebbe!!!!

La borsa in vendita

 

Dopotutto è Lunedì

Allora, anche se sono a casa e non sono stanca e stremata come al mio solito, oggi è Lunedì e quindi si deve fare il punto della situazione !!! 🙂

Prima notizia, sono andata in banca e quindi l’assicurazione della macchina è rinnovate YEAH!!!!

Seconda notizia, del ghhe che volevo fare non se ne fa nulla, rimane nei miei pensieri, ma non penso che diventerà una realtà in tempi brevi

però ho una nuova cosa che vorrei fare e cioè trovare un centro yoga nelle vicinanze che mi aggradi… sono una rompipalle in merito ed essendo abituata bene è difficile !

Per cui la missione sarà: looking for yoga center !!!!

Soddisfatta… quasi fiera :)

Ho cucito una cosa, non verrà venduta e non so nemmeno se piacerà, è arrivata una richiesta ed io ho prodotto…ora vediamo.

La richiesta era piuttosto vaga, del tipo, “mi rifai il sacco per la biancheria sporca? ma come fai tu, con stoffe diverse, abbinate” e mi ha dato il vecchio sacco in pesante cotone a quadretti bianco e rosso.

io ho fatto questo….

papaveri rossi e quei fiori viola che ci sono nei campi su bianco ottico. All’interno lino beige pesante e una corda bianca e rossa per chiuderlo.

 

A me piace tantissimo!!!!!!

 

 

Un posto per me

Allora, quando si è ragazzini, se si è fortunati, si ha la cameretta… e io la avevo!!! dovevo condividerla con mia sorella, ma le avevo ed era un luogo bellissimo!!!!

stanza

Potevi tenerci le tue cose, TUTTE!!! non era una stanza con un altro scopo, serviva a te e agli eventuali fratelli per starci e per coltivare i tuoi interessi. La mia era piena di libri 🙂 su mensole bianche molto anni ’70 e poi i fumetti, leggevo Dylan Dog e penne e quaderni, sono sempre stata una grafomane e un bel po’ di peluche di varie forme.

Ci stavo davvero bene! un letto, da usare anche come divano e una scrivania con due cassetti, anche lei bianca.

Ora ho una casa mia, sono adulta e mia figlia ha una stanza che somiglia molto a quella che ho appena descritto ed io???

Io nulla!!!! ho una cucina, una sala, una camera da letto, un bagno, persino un grande terrazzo, ma nessumo di questi luoghi è MIO e soprattuto, nessuno di questi luogo è privo di funzione e quindi non posso colonizzarlo !!! 😦

Non ho mai capito perchè succeda questa cosa, mica solo a me, conosco tanti adulti in queste condizioni, esuli in casa propria.

A meno che non si abbia abbastanza spazio per poter avere uno studio, nelle case “da adulti” gli adulti non hanno un posto proprio per le proprie passioni; forse perchè si pensa che gli adulti abbiano da fare?? certo che hanno da fare, proprio per questo hanno BISOGNO di un angolo per se da poter riempire di cose che amano e da poter mantenere intatto e libero da altrui influeze sulla cui porta poter appendere:

stop-1552458-639x430o o forse si pensa che gli adulti non abbiano PASSIONI?  ne hanno! anzi, da adulti possono anche coltivarle 🙂

Comunque, se anche avessi un mio golo, un mio studio, qualsiasi cosa, nemmeno il  cartello STOP terrebbe fuori i bambini… per cui tanto vale che mi rassegni alla mia condizioneed aspetti la pensione per potermi riappriopiare dei miei spazi…dopotutto la vecchiaia somiglia alla giovinezza.

Immagini “prese in prestito” da : freeimages

Colonna sonora: Max Gazze: “Mentre dormi”

 

 

I love giraffe

Finalmente non sono più sola ed abbandonata a me stessa!!! La fida e fidata collega è tornata e ha portato con se la bellissima foto che vedete sopra… Giraffe alla sfilata di San Patrizio a Dublino.. io amo le giraffe 🙂

 

giraffe-1396129-639x508

sono animali eleganti e fieri e pieni di simpatia… se non sapete cosa regalarmi…GIRAFFATEMI 🙂

 

La morte sua

Allora, ieri io e la pargola eravamo a pranzo da mia mamma (l’universo ci aveva predisposto questa dura prova per la giornata) e il marito, solo soletto a casa si è preparato il pranzo; nel suo dizionario pranzo=panino 🙂

Quando siamo tornate lo abbiamo trovato sazio e felice ancora a tavola; si era preparato un panino con la mortadella e i cetriolini sottaceto: “Perché i cetriolini sono la morte sua!!!” ci ha detto soddisfatto

L’altra abbinata secondo lui perfetta è quella tra il salame e le acciughe… “proprio la morte sua”

e così ieri è stata la giornata de “la morte sua

Per mia figlia l’abbinata che si merita questo appellativo è quella tra fragole e panna, per me quella tra speck e brie, anche se devo dire che anche pane nero e marmellata di fichi non scherza 🙂

Quindi ora proseguiamo nella ricerca spasmodica degli abbinamenti perfetti

I cestini portatutto

Lo so, ho detto che sarebbe stato il Martedì il giorno Etsy, ma sccome il blog è mio facco quello che mipare !!! 🙂

Almeno qui posso illudermi di essere padrona della mia vita, del mio spazio e del mio tempo !

Allora, il negozio su Etsy è nato dopo il mio matrimonio; abbiamo fatto un sacco di cose da soli e altre ne abbiamo comprate su etsy e così ci è venuto in mente di poter anche noi accedere a quella meravigliosa piattaforma virtuale.

Per il matrimonio abbiamo fatto questi:

2 cestiniche sono perfetti come portapane s devi apparecchiare con un certo tono, mache ora sono utilissimi nell’ingresso per buttarci dentro tutte quelle cose che ti ritrovi in mano ogni volta che entri in casa… da porta pane a svuotatasche, l’evoluzione di un cestino!

Svuotatasche – Vassoio – Portapane

 

Poi abbiamo fatto questi:

cestino azzurro

e qui ci abbiamo messo i confetti, con la loro brava bandierina per indicare il gusto. Li abbiamo anche regalate alla testimone e a chi mi ha resa presentabile 🙂 e li ho anche portati al lavoro per distribuire i confetti con una certa classe !!!

Fabric Bin – Roof Bin

questo è e rimane il mio preferito! è semplicissimo da fare: tutorial cestino  e fa la sua figura, ma soprattutto serve ovunque per chi, come me, ha mille cose ovunque.

In bagno raccoglie mollette e elastici, sul comodino ci tengo il kindle, la penna, gli occhiali e il quadernetto, nell’ingesso ci tengo di tutto e se avessi una mia scrivania lo userei come porta penne o per i miei pennarelli.

Sta cosa della mia scrivania ladevo approfondire , ma ci penserò domani.

 

 

Fagioli magici

Avete presente l’esperimento che si fa alle elementari in cui si mettono dei fagioli, o dei ceci o delle lenticchie o quel che vi pare, nei batuffoli di cotone e li si bagna per vederli crescere?

Ecco, lo abbiamo fatto tutti e poi lo abbiamo rifatto coi nostri figli, ottenendo dei miseri filamenti bianchicci mezzi ammuffiti che crollavano miseramente nella pozza sotto di loro e venivano inglobati nel cotone.

Ebbene, questa volta le cose sono andate diversamente!!!

Abbiamo piantato 3 fagioli, come al solito, nei loro bravi batuffoli di cotone e gli abbiamo dato l’acqua ogni giorno ed eccoli qui:

pianta di fagioli

3 piantine!!! con tanto di radici e foglie 🙂 e resistono indomite anche all’attacco dei gatti!

 

Ora aspettiamo che fioriscano e poi via con la raccolta dei fagioli ! YEAH!!!!!

 

 

 

Borsa in tessuto…orchidee e turchese

Fiori, fiori, Orchidee

 

Ecco, i martedì è dedicato alle mia creazioni e quindi, nonostante io sia sola, raminga ed abbandonata 🙂 presento la mia borsa primavera: Orchidee e turchese

la stoffa a fiori irava per casa da un po’, volevo farne un quadro da appendere nella camera della mia mostra, poi è arrivato quel cotone turchese…così intenso e forte che la borsa ha subito preso forma.

Un bottone fatto a mano nella stessa stoffa, una bustina per tenere le cose da non perdere e un gancio metallico per agganciarlo et voilà!!!!

 

Ora aspetta solo qualcuno che la compri e la rgali a qualcuno che ama 🙂

 

Ma come arrivo a Sabato ????

Ieri non ho previsto nulla per la settimana e non ho nemmeno fatto il punto della situazione, ma davvero non me la sento 😦

Questa settimana entrambe le mie dolci metà mi abbandoneranno al mio triste e solitario destino e quindi non programmo nulla; è già tanto se arriverò viva a Sabato!

Sul fronte casalingo il marito se ne va in Sardegna per lavoro, deve fare una consegna…si, sarà anche lavoro, ma intanto sei in Sardegna a 18°C con il sole, il mare ed il vento; qualunque lavoro diventa un filino più piacevole 🙂

sardegna

Io rimango qui nella triste Lombardia dove non sai più se è primavera o inverno e dove prevedono neve… NEVE !!!! domani.

Come se non bastasse, pure la fida e fidata collega se ne va via, domani prende il suo bell’aeroplanino e va in vacanza, lei nemmeno ha la scusa che va via per lavoro 😦

KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA
KONICA MINOLTA DIGITAL CAMERA

 

Io rimango sola ed abbandonata 😦 al lavoro tra mille pezze che non so dove mettere… nella pattumiera ??? ahahah e a casa con due mostri che vorranno cenare a minestrina ogni sera .

Va bhe, quando tornano vorrà dire che me ne andrò io ! Vendetta, Tremenda vendetta