Frecce vive

Questo non è un post facile, ci metterò molto a tirarlo insieme, ma vorrei riuscire a dire alcune cose.. ecco che comincio a perdermi, mi era venuto in mente tutto un discorso sul perché scriva anziché parlare, ma lo lascio per dopo.

I figli sono una cosa complicata 🙂 arrivano senza un libretto di istruzioni e ti ritrovi tra le braccia un esserino urlante, piangente e con sorrisi sdentati che ti si abbarbica come una cozza e che dipende da te per ogni sua necessità.

Quando il toporagno era piccolo, sentivo moltissimo questa cosa dell’avere qualcuno che aveva COSTANTEMENTE bisogno di te, ma di questo parlo poi, ora lei è cresciuta ed io mi sono abituata e sono altre le cose difficili.

Per me, i figli sono come frecce, vanno preparati per essere lanciati nel mondo, i genitori sono dei preparatori atletici 🙂

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-7735>

Quando nasce un bambino, gli adulti che sono lì attorno hanno il dovere di crescerlo e accompagnarlo nella sua strada, modificando la propria azione man mano che i tempo passa.

E’ la più  grande avventura che una persona possa intraprendere, richiede doti eccezionali eppure tutti ci possono riuscire, si impara insieme, strada facendo.

Ci vuole:

  • un’attenzione costante (da piccoli sono veloci come fulmini e riescono a farsi male anche con un batuffolo di cotone)
  • una capacità di adattamento infinita, crescono rapidamente e altrettanto rapidamente cambiano idea. E tu dietro, nel flusso della vita
  • una fantasia priva di limiti; mille sono le situazioni che dovrai affrontare , i problemi che dovrai risolvere e il tempo che dovrai riempire.
  • una resistenza da endurance, sono più giovani ed hanno le pile; dovrai essere sempre all’altezza.
  • Una pazienza che nemmeno Giobbe

Però arriverà un momento, ne arrivano tantissimi, in cui vedi che ci riesce, ha imparato, fa da sola, e ti si riempie il cuore, perché quel coso urlante sta diventando una personcina e andrà nel mondo portando con se un pezzo di te.

“per te ” Jovanotti

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...