Dopotutto qui posso farlo

Ma se uno volesse semplicemente sedersi qui e scrivere? Senza avere chissà che da dire, ma solo per raccontare quello che gli passa per la mente, i pensieri che hanno accompagnato la sua giornata.

Ecco, essendo il mio blog, credo proprio di poterlo fare 🙂

Faccio un breve riassunto della situazione in essere.

  • Ho una certa età, non sono vecchia, semmai vintage, ma i 40 li ho passati e non faccio parte di quel gruppo di persone che pensano questo sia privo di conseguenze
  • Ho un lavoro a tempo pieno, anzi pienissimo, da noi è normale fare 10-12 ore, ci si stupisce quando qualcuno se ne va alla fine delle sue 8 ore
  • Ho una figlia, un marito, un figlio bis e 3 gatti
  • Abbiamo traslocato a Gennaio, il che significa che almeno 50 scatoloni sono ancora chiusi in angoli vari della casa
  • Mia mamma ha deciso che era una bella idea rompersi un femore
  • Io vorrei avere tempo per me

 

Ecco, facendo un rapido conto le 24 ore non bastano 🙂

Situazione comune, lo so bene, ma questo non mi consola. Tuttavia una cosa la ho capita, non sono io ad avere un basso livello energetico che non mi consente di fare tutto, è proprio che tutto questo è TROPPO.

 

Annunci

Alle volte fluire non è facile

Un nuovo anno ed una nuova casa ed una mamma in ospedale.

Ora io lo so che l’universo ti presenta solo ciò che sei in grado di affrontare e che ti serve per evolvere (grazie Universo grazie) tuttavia sono convinta che, da tempo, l’universo tenda a sopravvalutarmi😊. 

Abbiamo cambiato casa, quindi si deve traslocare e, non avendo più 20 anni, vi assicuro che è un fastidio non indifferente, sono stanca, infinitamente stanca e dormirei per giorni.

Ora la nuova casa è abitabile e quindi é abitata, ci sono un sacco di scatoloni da aprire, ma devo ammettere che in questi 20 giorni di vita non ci manca nulla e non mi ricordo proprio cosa ci sia lì dentro… il pensiero di buttarli via senza nemmeno aprirli diventa sempre più potente 😊.

La verità é che abbiamo tutti troppe cose, che non servono, solo ci sono piaciute e le abbiamo prese,  ma occupano e non solo spazio,  anche tempo ed energie. La casa nuova, così spoglia,  nei primi giorni mi riempiva d’ansia, DOVEVO RIEMPIRLA!!!

Libri, candele, pupazzi, matite e penne, scatolette di latta e stoffe, quadri alle pareti e bijoux… ogni angolo andava “decorato” fortuna che ho mia mamma in ospedale.

Non sono impazzita, mia mamma sta bene, ha rotto il femore,  ma la hanno operata e ora fa riabilitazione, solo io devo andarla a trovare e così alla fine della giornata di lavoro vado in ospedale e, quando torno non ho la forza di mettermi ad aprire scatole.

Così sono li, ancora chiuse e la vita continua senza che ci manchi nulla ed io comincio ad apprezzare gli spazi vuoti, le superfici disponibili e i muri liberi. 

Si chiama decluttering credo, io semplicemente penso che quando hai ciò che ti serve il resto é superfluo e lo puoi lasciare lì dove è.

Forse l’Universo voleva insegnarmi questo, ma rimango dell’idea che poteva anche fare le cose meno in grande 😁😁😁😁

piccola storia a puntate

passi avanti anche nella borsa sdraio 🙂

WP_20160724_005Abbiamo la zip!!! blu, ovviamente e cominciamo ad attaccarla alla sua fodera…

WP_20160724_011

ed intanto comincio a dare forma all’esterno…

 

WP_20160724_013queste due fantasie, insieme, sono bellissime, assolutamente da estate e più le guardo più sale il desiderio di passare ore su una sdraio guardando il mare.

e la colonna sonora non poteva essere altro che:  Sapore di sale G.Paoli

per l’immagina di copertina: bubble babu

alla prossima!!!

 

e la storia continua :)

Ripartiamo da dove eravamo rimasti…e le storia sono due perchè con le lampo ormai ci ho preso gusto !!!

WP_20160723_002

eccola qui!! attaccata alla stoffa, tutte le righe che coincidono, altrimenti il marito tappezziere si lamenta 🙂 e pronta per essere usata come fodera !!!!!!

WP_20160723_003

passo successivo appuntarla alla borsa, manici compresi e cominciare a cucire 🙂

Ago nuovo, di dimensioni appropriate, luce accesa e occhiali per vedere da vicino e via..

WP_20160724_018ecco fatto!!! fodera e borsa unite e non può mancare il moschettone per agganciare le chiavi!

WP_20160724_020non lo avevo fatto vedere… ma dentro ci sono due tasche! così un minimo di ordine si può tenere 🙂

WP_20160724_024direi che è un ottimo lavoro!!! e sono contenta di averlo fatto, di averci provato e di esserci riuscita.. ora si apre ufficialmente l’era delle borse con la ZIP!!!!!!!

 

 

No, perchè le storie sono due …

Volevo solo aggiungere che le storie in corso sono due e non solo una, per cui saranno entrambe un po’ più lunghe nello svolgimento; visto che tendo a farle procedere insieme 🙂

nel retrobottega abbiamo scovato anche una striscia larga 30 cm e lunga un metro più o meno di un cotone stampato a fiori sul marrone… qualcosa di spettacolare!!! e insieme abbiamo trovato uno jacquard pesante, un pied de poule beige.. fatti l’uno per l’altra 🙂

Così mi sono messa all’opera, il cotone andava squadrato per capire quanto ne avessi a disposizione e poi si comincia ad imbastire 🙂

WP_20160721_007

Stanno davvero bene insieme !!! e siccome c’è un po’ di verde in giro e le cuciture vanno sempre ribatture…

WP_20160721_011

ecco fatto !!! perchè la cura del particolare è tutto ! Ora, ci vuole la sua fodera e anche una lampo, sono in piena fase zip e quindi anche qui lampo!!!

WP_20160722_006

beige, che mi sembra ci stia proprio bene 🙂 Quello ceh vorrei fare è mettere la lampo affondata, non so come dirlo meglio 🙂 ma qui lo spiega benissimo e si vede cosa intendo… è una cosa che hanno un sacco di borse 🙂

La fodera l’ho trovata, a righe 🙂 troppo carina!!!! fossi capace mi ci farei una gonna !!

WP_20160722_001

Ecco, io ora vado avanti e vediamo cosa succederà 🙂

piccola storia a puntate

Ecco, non garantisco una presenza giornaliera. la convalescenza procede bene, ma ogni giorno è nuovo e diverso e quindi non posso sapere cosa sarà domani; ma intanto oggi sono arrivata ad un punto e quindi comincio la mia storia.

Domenica, in un momento di strana solitudine tra marito e moglie (non ci capita praticamente mai di essere noi due e basta) ci siamo recati nell’antro dello stregone!! cioè nel retrobottega della bottega del tappezziere, nonché marito, mio fornitore esclusivo di stoffe.

Abbiamo affrontato il primo sacchetto di una lunga serie e siamo tornati a casa con un bel bottino 🙂

La storia che vi racconto oggi comincia da lì e da una sdraio …

WP_20160721_002

Lei era una sdraio 🙂 con le sue belle righe color del mare, ma ne ho solo qualche striscia e quindi si deve trovargli un abbinamento … ed ecco che appare lei…

WP_20160721_003

Un matelassè bianco e blu… perfettissimo!!!! anche qui solo due, 3 strisce e quindi ci farò il fondo della borsa 🙂

ed ora ci vuole la fodera, io fodero tutto, non mi piace che si vedano le cuciture 🙂 e allora continuo a rovistare ed …

WP_20160721_004

un cotone bianco con delle belle righe blu, quasi giusto per farci una camicia 🙂 ma io le camicie non le so fare e poi non ho voglia di stirarle 🙂 e allora che fodera sia!!!!

Oggi sono arrivata qui e ho anche deciso che ci metterò la lampo, le odio le zip io, ma nelle borse ci vogliono e allora faremo la chiusura lampo!!!

per l’immagine di copertina si ringrazia:  Piotr Bizior

Alla prossima 🙂

 

Dall’Africa per ricominciare

Non prendo in mano una forbice ed un gessetto da tanto tempo, almeno due settimane..mi mancavano molto.

Stamattina ho voluto riprovare, piano piano devo ricominciare a vivere una vita il più simile possibile a quella precedente.

Così ho preso un tessuto che avevo appena acquistato, visto l’evento in corso, volevo che tutto fosse un po’ speciale e, di solito i tessuti che uso non li ho comprati, ma li ho recuperati.

Questo è un cotone stampato wax che arriva dalla Nigeria … SuomiiFabric colori vivi e brillanti, una gioia per gli occhi! e appena lo ho visto ho pensato che del lino rosso e del lino giallo sarebbero stati il giusto completamento!! e così stamattina l’opera è cominciata …

Farò questa: rhondas bag che, nella sua semplicità è perfetta perchè il disegno della stoffa non si perda 🙂

Vediamo come procede  🙂

ah. oggi la colonna sonora era: Redemption song

 

si ritorna :)

Oggi è Lunedi! e quidi programma della settimana !!! vi tocca 🙂

Sono a casa, per tutto il mese sarò a casa in convalescenza e quindi gli impegni dovrebbero pesare meno.

in realtà mi sono accorta che io sono pigra e odio avere cose da fare, per cui essere a casa non mi aiuta ad affrontare con più tranquillità le incombenze perchè sotto sotto c’è la vocina che dice. “lascia stare!!! fai domani, ” e, se la ascolto, mi assalgono i sensi di colpa.

Ma adesso stiliamo una bella lista:

1: Fare fototessera alla figlia neo 14 enne… si deve iscrivere alle superiori 🙂

2: Andare a iscriverla alle superiori dopo aver fatto la foto

3: comprare i libri per le superiori

4: andare al parco .. boscodellequerce a due passi da casa mia, non sapevo esistesse ed è una vera oasi

5: coltivare la novella passione per il gialloyellow like the sun

6: mettere a punto una mini mini sequenza per risvegliare la mia schiena !!!!!

7: trovare una cat sitter!!!

 

Ecco, mi pare di aver messo tutto .. vrdremo che ne sarà

Ecco, visto che il mercato on line non ci bastava… abbiamo pensato di provare alla vecchia maniera: bancarella in strada 🙂

CarrouselStreetMarket

LAROSSANELBOSCOCi stiamo organizzando!!!

Intanto il Bosco si è attivato per fare un bel tavolo su cui poi stenderemo una tovaglia di lino beige..anche se quel tessuto volevo usarlo per fare delle borse !!! sigh sigh

Poi attaccheremo ad ogni creazione il suo bravo biglietto da visita con il prezzo, piccole spille da balia e filo rosso, presto arriverà la foto.

e poi cestini di vimini e cassette di legno per contenere gli oggetti, una piantina per dare il benvenuto, un vassoio con le caramelle e….

Ho fatto la lista delle cose indispensabili:

  • penne,e matite,
  • scotch, carta da pacco e forbici, ah anche spago che non mi piacciono i nastrini frou frou
  • calcolatrice, tante monete e banconote da 5 e 10 euro e..

Non so, ci penso e ci ripenso, non ho mai fatto un mercatino 🙂 che ne so di cosa mi servirà!

591

Però ho comprato un gazebo !!! eccolo qui gazebo da 4 soldi 🙂

Perché i sa che pioverà e quindi meglio avere un tetto, anche se di plastica, sulla testa.

Ho comprato anche i sacchetti di carta, ho pensato che, male che vada il gazebo ci fa comodo sulla terrazza e i sacchetti di carta me li posso rivendere :).

Io ci provo, non ho idea di come vada, ma passare una Domenica in strada, in mezzo alla gente, magari con il sole, mi è sembrata una belle idea ed ho coinvolto tutti.

Il Bosco poi sembra molto felice e, dal suo torpore infinito oggi ha tirato fuori un pouf delizioso e una sedia, dice che non posso passare tutta le giornata in piedi 🙂 tenero lui.

 

Nuova settimana

Ok, è Lunedì e questa settimana la vedo dura 😦

La mia schiena è in piena ribellione, non c’è un giorno in cui non mi faccia male ed ormai è così da più di un mese !! Per cui, la missione principale di questa settimana è riuscire ad arrivare a Venerdì! e vi assicuro che non è poco.

Ad ogni modo alcune cose le devo proprio fare!!!

1-Andare dal medico, ho da prendere una vagonata di medicine tra pasticche e punture, per cui oggi la tappa obbligata è lo studio del medico di base e poi la farmacia.

2- Ritirare la mia risonanza, sono davvero curiosa di sapere cosa è successo di nuovo alla mia schiena 🙂

3- Già che sono in mezzo ai dottori, magari prenoto anche una visita dall’oculista, non mi dispiace essere storta tipo la strega di Biancaneve, ma essere cecata mi da fastidio 🙂

Ok, poi cosa c’è a fare ancora??’

4- telefonare al liceo dove andrà mia figlia, ho ricevuto la mail, ma sono vecchio stampo e le persone mi piace sentirle.. mi pare opportuno sapere quando si ricomincia a Settembre e cosa è bene che i ragazzi facciano per affrontare le superiori.

5- Chiamare la AEM, nuova bolletta del gas ESAGERATA!!! e la lettura del contatore è quanto meno fantasiosa 🙂

Può bastare, la settimana si prospetta interessante 🙂