Frecce vive

Questo non è un post facile, ci metterò molto a tirarlo insieme, ma vorrei riuscire a dire alcune cose.. ecco che comincio a perdermi, mi era venuto in mente tutto un discorso sul perché scriva anziché parlare, ma lo lascio per dopo.

I figli sono una cosa complicata 🙂 arrivano senza un libretto di istruzioni e ti ritrovi tra le braccia un esserino urlante, piangente e con sorrisi sdentati che ti si abbarbica come una cozza e che dipende da te per ogni sua necessità.

Quando il toporagno era piccolo, sentivo moltissimo questa cosa dell’avere qualcuno che aveva COSTANTEMENTE bisogno di te, ma di questo parlo poi, ora lei è cresciuta ed io mi sono abituata e sono altre le cose difficili.

Per me, i figli sono come frecce, vanno preparati per essere lanciati nel mondo, i genitori sono dei preparatori atletici 🙂

I vostri figli non sono figli vostri… sono i figli e le figlie della forza stessa della Vita.
Nascono per mezzo di voi, ma non da voi.
Dimorano con voi, tuttavia non vi appartengono.
Potete dar loro il vostro amore, ma non le vostre idee.
Potete dare una casa al loro corpo, ma non alla loro anima, perché la loro anima abita la casa dell’avvenire che voi non potete visitare nemmeno nei vostri sogni.
Potete sforzarvi di tenere il loro passo, ma non pretendere di renderli simili a voi, perché la vita non torna indietro, né può fermarsi a ieri.
Voi siete l’arco dal quale, come frecce vive, i vostri figli sono lanciati in avanti.
L’Arciere mira al bersaglio sul sentiero dell’infinito e vi tiene tesi con tutto il suoi vigore affinché le sue frecce possano andare veloci e lontane.
Lasciatevi tendere con gioia nelle mani dell’Arciere, poiché egli ama in egual misura e le frecce che volano e l’arco che rimane saldo.

da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/poesie/poesie-d-autore/poesia-7735>

Quando nasce un bambino, gli adulti che sono lì attorno hanno il dovere di crescerlo e accompagnarlo nella sua strada, modificando la propria azione man mano che i tempo passa.

E’ la più  grande avventura che una persona possa intraprendere, richiede doti eccezionali eppure tutti ci possono riuscire, si impara insieme, strada facendo.

Ci vuole:

  • un’attenzione costante (da piccoli sono veloci come fulmini e riescono a farsi male anche con un batuffolo di cotone)
  • una capacità di adattamento infinita, crescono rapidamente e altrettanto rapidamente cambiano idea. E tu dietro, nel flusso della vita
  • una fantasia priva di limiti; mille sono le situazioni che dovrai affrontare , i problemi che dovrai risolvere e il tempo che dovrai riempire.
  • una resistenza da endurance, sono più giovani ed hanno le pile; dovrai essere sempre all’altezza.
  • Una pazienza che nemmeno Giobbe

Però arriverà un momento, ne arrivano tantissimi, in cui vedi che ci riesce, ha imparato, fa da sola, e ti si riempie il cuore, perché quel coso urlante sta diventando una personcina e andrà nel mondo portando con se un pezzo di te.

“per te ” Jovanotti

 

Annunci

Ohana

Ohana

Se uno si facesse una cultura guardando i film della Disney, giungerebbe ad un concetto di famiglia un po’ particolare…

Padri single, madri streghe, tre adulti e una mammuth che si crede una opossum, insomma una bella varietà 🙂 i più normali che mi sono venuti in mente forse sono loro..

INCREDIBILIMamma, papà e tre figli; ognuno speciale a modo suo.

Eppure ognuno di noi fa parte di una famiglia, volentieri o suo malgrado e ci deve convivere comunque e più o meno per tutta la via. Prima la famiglia da cui arrivi, poi quella che crei ed infine tu e chi rimarrà con te sino alla fine.

Credo che Ohana sia il termine che meglio spiega quello che famiglia significa per me, con tutte le difficoltà che ne derivano, ma anche con tutte la gioie che genera.

Famiglia significa che NON SARAI PIU’ SOLO e questo per me spesso ha il sapore di una minaccia, ma nei giorni buoni, mi accorgo anche di quanto questo mi faccia sentire bene, protetta. Prima c’erano i miei, mio papà e mia mamma, liti, urla, ma anche un punto fermo sempre presente che mi ha permesso di affrontare la vita con una certa leggerezza.

Poi è arrivato il primo tentativo di mia famiglia, un matrimonio e una bimba, non è andata avanti per sempre, ma ora ho una figlia, e questo sarà PER SEMPRE.

Adesso siamo al secondo tentativo di famiglia, ancora in corso, per cui non mi esprimo 🙂 ma questa seconda volta siamo un po’ di più e più variegati. Io, il marito tappezziere, la mia bimba che ormai se ne va alle superiori e il bimbo di mio marito, in seconda elementare. A completare i gatti, 3, uno più bello del’altro.

family

Anche noi siamo piuttosto diversi 🙂 ognuno ha le sue particolarità e la sua storia che si porta dietro, ma siamo insieme e non ci lasciamo indietro 🙂 o almeno ci proviamo. Ma già essere 4 ogni giorno senza esserci ancora accoltellati, per me è una vittoria!

 

to be contiunued