ma vogliamo parlare delle finestre???

Una delle cose più belle della casa nuova è la luce che c’è, una meraviglia anche nelle giornate più cupe. In ogni stanza c’è una porta finestra che affaccia su un mini balcone con le piastrelli bianche e verdi… bellissime ora che sono pulite 🙂

 

green-and-whitePer poter vedere le piastrelline ci è voluto un bel po’ di olio di gomito, ma ora sono lì belle lucide e allegre.

 

Tutta quella luce arriva dalle finestre, croce e delizia di questa casa !!! non abbiamo voluto cambiarle, sono così vintage 🙂 solo che vanno sistemate e sono grandi!!! troppo grandi!!! Allora, ogni finestra ha 4, e dico 4 ante, ognuna alta 2.20 mt e larga 60 cm circa e TUTTE vanno sistemate, hanno 40 anni 🙂

Sistemarle vuole dire, nell’ordine:

  • passare la carta vetrata per togliere la vecchia vernice
  • stuccare dove serve .. porcaccia la miseriaccia serve un sacco!!
  •  passare la cementite per uniformare
  • scartavetrare di uovo
  • passare lo smalto
  • rimontarle :

In pratica fanno prima a finire il Duomo di Milano 🙂

Oggi abbiamo dato la cementite all’ultimo quartetto di ante e domani passiamo lo smalto, direi che per la fine della settimana possiamo chiudere le finestre 🙂

Colonna sonora: https://youtu.be/hLhN__oEHaw

Per le foto. grazie a http://it.freeimages.com/photographer/toki-33568

Annunci

e la storia continua :)

Ripartiamo da dove eravamo rimasti…e le storia sono due perchè con le lampo ormai ci ho preso gusto !!!

WP_20160723_002

eccola qui!! attaccata alla stoffa, tutte le righe che coincidono, altrimenti il marito tappezziere si lamenta 🙂 e pronta per essere usata come fodera !!!!!!

WP_20160723_003

passo successivo appuntarla alla borsa, manici compresi e cominciare a cucire 🙂

Ago nuovo, di dimensioni appropriate, luce accesa e occhiali per vedere da vicino e via..

WP_20160724_018ecco fatto!!! fodera e borsa unite e non può mancare il moschettone per agganciare le chiavi!

WP_20160724_020non lo avevo fatto vedere… ma dentro ci sono due tasche! così un minimo di ordine si può tenere 🙂

WP_20160724_024direi che è un ottimo lavoro!!! e sono contenta di averlo fatto, di averci provato e di esserci riuscita.. ora si apre ufficialmente l’era delle borse con la ZIP!!!!!!!

 

 

No, perchè le storie sono due …

Volevo solo aggiungere che le storie in corso sono due e non solo una, per cui saranno entrambe un po’ più lunghe nello svolgimento; visto che tendo a farle procedere insieme 🙂

nel retrobottega abbiamo scovato anche una striscia larga 30 cm e lunga un metro più o meno di un cotone stampato a fiori sul marrone… qualcosa di spettacolare!!! e insieme abbiamo trovato uno jacquard pesante, un pied de poule beige.. fatti l’uno per l’altra 🙂

Così mi sono messa all’opera, il cotone andava squadrato per capire quanto ne avessi a disposizione e poi si comincia ad imbastire 🙂

WP_20160721_007

Stanno davvero bene insieme !!! e siccome c’è un po’ di verde in giro e le cuciture vanno sempre ribatture…

WP_20160721_011

ecco fatto !!! perchè la cura del particolare è tutto ! Ora, ci vuole la sua fodera e anche una lampo, sono in piena fase zip e quindi anche qui lampo!!!

WP_20160722_006

beige, che mi sembra ci stia proprio bene 🙂 Quello ceh vorrei fare è mettere la lampo affondata, non so come dirlo meglio 🙂 ma qui lo spiega benissimo e si vede cosa intendo… è una cosa che hanno un sacco di borse 🙂

La fodera l’ho trovata, a righe 🙂 troppo carina!!!! fossi capace mi ci farei una gonna !!

WP_20160722_001

Ecco, io ora vado avanti e vediamo cosa succederà 🙂

piccola storia a puntate

Ecco, non garantisco una presenza giornaliera. la convalescenza procede bene, ma ogni giorno è nuovo e diverso e quindi non posso sapere cosa sarà domani; ma intanto oggi sono arrivata ad un punto e quindi comincio la mia storia.

Domenica, in un momento di strana solitudine tra marito e moglie (non ci capita praticamente mai di essere noi due e basta) ci siamo recati nell’antro dello stregone!! cioè nel retrobottega della bottega del tappezziere, nonché marito, mio fornitore esclusivo di stoffe.

Abbiamo affrontato il primo sacchetto di una lunga serie e siamo tornati a casa con un bel bottino 🙂

La storia che vi racconto oggi comincia da lì e da una sdraio …

WP_20160721_002

Lei era una sdraio 🙂 con le sue belle righe color del mare, ma ne ho solo qualche striscia e quindi si deve trovargli un abbinamento … ed ecco che appare lei…

WP_20160721_003

Un matelassè bianco e blu… perfettissimo!!!! anche qui solo due, 3 strisce e quindi ci farò il fondo della borsa 🙂

ed ora ci vuole la fodera, io fodero tutto, non mi piace che si vedano le cuciture 🙂 e allora continuo a rovistare ed …

WP_20160721_004

un cotone bianco con delle belle righe blu, quasi giusto per farci una camicia 🙂 ma io le camicie non le so fare e poi non ho voglia di stirarle 🙂 e allora che fodera sia!!!!

Oggi sono arrivata qui e ho anche deciso che ci metterò la lampo, le odio le zip io, ma nelle borse ci vogliono e allora faremo la chiusura lampo!!!

per l’immagine di copertina si ringrazia:  Piotr Bizior

Alla prossima 🙂

 

Da una casa in Sardegna…

Stasera faccio un po’ la maestrina 🙂 Ma è solo perché mi piace cercare le definizioni di quei termini che sono comuni in un mondo specifico, ma che diventano arabo fuori da quell’ambito.

Lavoro in una stamperia di tessuti, per cui per me il termine chevron ha un significato chiarissimo, ma può essere che ad altri non dica nulla e allora…mi faccio aiutare: piccolo dizionario Continua a leggere “Da una casa in Sardegna…”